I grandi vantaggi degli impianti caldo/freddo più efficienti

Home » Blog » I grandi vantaggi degli impianti caldo/freddo più efficienti

In occasione della 44esima giornata mondiale della Terra che si è celebrata il 22 Aprile, Daikin Italy, cioè la filiale italiana della multinazionale giapponese operante nella produzione di sistemi di climatizzazione e riscaldamento, ha commissionato al Dipartimento di Ingegneria Gestionale del Politecnico di Milano di fare un’indagine.Il risultato di tale indagine è stato che la sostituzione degli impianti di climatizzazione e riscaldamento tradizionale che vengono sostituiti, in Italia, permettono di ridurre i consumi di energia e le emissioni di Co2.

In pratica, lo studio del Politecnico di Milano ha preso in esame l’energia risparmiata nell’arco dell’anno, il calare dei costi della bolletta dell’energia e le emissioni di Co2 che vengono risparmiate nell’anno.Il tutto è stato analizzato in base a 2 dimensioni e cioè la performance ed il mercato. La prima mette in risalto il beneficio economico ed ambientale di una famiglia media, mentre il mercato mette in risalto il beneficio economico ed ambientale potenziale nel Paese.
Per quanto riguarda i benefici energetici ed ambientali per l’ambito freddo, sono stati stimati confrontando gli impianti tradizionali con quelli benchmark, mentre i benefici energetici ed ambientali per l’ambito caldo sono stati stimati confrontando i classici impianti a gas metano con i sistemi ibridi, cioè con quelli che combinano la caldaia a condensazione con la pompa di calore.
Nel caso del raffreddamento, secondo quanto stimato dal Politecnico di Milano, i climatizzatori in funzione oggi sono circa 14.500.000 che si dividono per il 43% in R410 con funzionamento on/off; il 30.9 % R410 con funzionamento inverter, il 23.9 in R22 con funzionamento on/off ed il 2.2 % in R22 con funzionamento inverter.
Nel caso del riscaldamento, invece, è emerso che gli impianti di riscaldamento in Italia sono autonomi per il 97% e centralizzati per il restante 3%. Gli impianti autonomi sono circa 25 milioni e si suddividono per il 72% in caldaia a gas metano, per il 20% in caldaia a gasolio e per il restante 8% caldaie a condensazione a gas metano.
L’impianto Benchmark per il riscaldamento è quel sistema che combina la tradizionale caldaia a condensazione che tutti conoscete con la tecnologia della pompa di calore.
Tenete presente che in base alla temperatura dell’ambiente esterno, ai costi dell’energia ed al bisogno termico, questo sistema ibrido permette di attivare la pompa di calore e/o la caldaia a condensazione in modo da andare a funzionare sempre nel modo più economico possibile.
È incredibile scoprire che il beneficio economico e ambientale che si avrebbe con la sostituzione degli impianti di raffrescamento domestici tradizionali si arriverebbe, addirittura, a risparmiare 746, 2 GWh ogni anno.

Pensate che tutta questa energia risparmiata potrebbe essere utilizzata per soddisfare ben il 60% dei consumi annui di energia elettrica di tutti i cittadini di Milano, i consumi dell’intera Valle D’Aosta e della Basilicata ed anche i consumi per l’illuminazione pubblica dell’intero territorio italiano, anche se solo per un mese e mezzo.
Invece, per il riscaldamento, se si andassero a sostituire tutte le tradizionali caldaie domestiche a gas metano si potrebbero arrivare a risparmiare 41.002 GWh all’anno che potrebbe soddisfare i bisogni termici dei cittadini di Milano per ben 7 anni o soddisfare i consumi annui di energia termica del terziario della regione Piemonte.

Così, proprio dall’esito di questo studio condotto dal Politecnico di Milano, Daikin Italy ha deciso di incentivare tutti coloro che volessero sostituire i vecchi impianti di climatizzazione con i nuovi R22 Daikin e quindi chiunque sia cliente Daikin può richiedere di sostituire, tra il 23 ed il 30 magio, il proprio climatizzatore con un nuovo R22, il tutto compilando una semplice form su www.daikin.it.

L’ambiente è importante e per questo Daikin Italy ha deciso di fare questa promozione e dimostrare come sia possibile sostituire le vecchie macchine senza problemi ed avere grandi benefici sotto ogni punto di vista.

 

Posted on 28 aprile 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *