Nuovo Standard di Efficienza per i climatizzatori Rooftop

Home » Blog » Nuovo Standard di Efficienza per i climatizzatori Rooftop

top-roof-topIl DOE, Dipartimento di Energia degli USA, il 18 Settembre ha dichiarato il nuovo standard sui consumi che si attesta come il più elevato di sempre: infatti è stato previsto un taglio del 30% sui consumi energetici dei condizionatori rooftop.

Giustifica così tale scelta Steve Nadel, il direttore del Consiglio Americando dell’EEE: solo i sistemi di climatizzazione costituiscono il 10% dei consumi energetici globali in tutti gli Stati Uniti. E parliamo solo di impianti presenti in esercizi commerciali. Il nuovo standard imposto consentirà risparmi elevatissimi alle aziende in termini economici ed in termini di emissioni nocive.

Infatti il DOE ha gia previsto, basandosi su una media di lunghezza di vita degli impianti di 30 anni, che il nuovo standard consentirà di risparmiare dai 16 ai 50 miliardi di dollari alle aziende nonché di ridurre i consumi di 1300 miliardi di Kw/h.

Ma cosa cambia con l’introduzione di questo nuovo standard?

Gli attuali sistemi si basano sul funzionamento degli apparecchi a pieno regime: il problema è che ogni climatizzatore non funziona mai realmente a pieno regime, bensì in maniera incostante raggiungendo punte di equilibrio solo in giornate molto calde.

Il nuovo standard imposto invece usa indici del tutto differenti, l’IEER, ossia l’indice di efficienza energetica integrata, che valuta il funzionamento dell’apparecchio in base alle sue concrete prestazioni prendendo come campioni il 25, il 50, il 75 e il 100 per cento della capacità totale.

Questi standard di efficienza arrivano così anche a rispettare al 75% gli obiettivi imposti dalla dirigenza americana nel 2013 circa la riduzione di CO2 di 3 miliardi di tonnellate entro il 2030. Con le ulteriori modifiche gia previste per il 2015, la DOE si dice fiduciosa di mettersi in linea per completare l’obiettivo.

 

Posted on 17 ottobre 2014

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *