Vendita e Installazione Climatizzatori a Pompa di Calore Milano

Home » Blog » Vendita e Installazione Climatizzatori a Pompa di Calore Milano

climatizzatori pompa di caloreClimatec è un’azienda che opera nel settore termoidraulico e tra le sue peculiarità rientra anche la vendita e l’installazione di climatizzatori a Pompa di Calore a Milano e Provincia.

I climatizzatori a Pompa di calore hanno conosciuto un grande sviluppo negli ultimi anni per via non solo della loro efficienza ma soprattutto per il risparmio energetico e per il fatto di non essere inquinanti per l’ambiente soprattutto in un centro urbano come Milano.

In questo articolo cerchiamo proprio di illustrare i motivi per cui conviene provvedere all’installazione di una pompa di calore.

Ecco perchè conviene installare climatizzatori a pompa di calore a Milano

Milano è una grossa città collocata in un’area a bassa circolazione di aria, dove l’inquinamento prodotto ristagna formando una cappa dello spessore di centinaia di metri, responsabile del colore grigio del cielo.

Riscaldare le nostre abitazioni, i nostri uffici, gli ambienti di lavoro è per diversi mesi all’anno indispensabile, soprattutto non potendo disporre di abitazioni sufficientemente isolate.

Come riscaldiamo gli edifici non è un fatto banale; dalla tecnologia che scegliamo dipende la qualità del risultato in termini di comfort, di spesa e di inquinamento.

Esistono ancora impianti di riscaldamento a carbone, sono operativi e inquinano l’aria in maniera preoccupante; a Milano è stata istituita l’area C, un ticket di ingresso per circolare in centro atto a disincentivare la circolazione e l’inquinamento, ma non si obbliga chi inquina veramente con un impianto di riscaldamento a carbone, ma anche a gasolio, a intervenire per cambiare tecnologia e passare ad impianti meno inquinanti.

Naturalmente la pompa di calore non è l’unico sistema di riscaldamento, ma, essendo molto efficiente, essendo alimentata solitamente da energia elettrica, produce risparmio di denaro, ma, soprattutto, permette di risparmiare inquinamento all’interno di aree urbane già soffocate da inquinanti di varia natura, dove spesso la poca circolazione di aria non ne permette la diluizione.

Pompa di calore significa semplicemente spostamento di calore da un lato all’altro di un circuito frigorifero. Per questo la pompa di calore ha un o una serie di assorbitori di temperatura e un o una serie di terminali che cedono temperatura. L’esempio più semplice e conosciuto è il frigorifero domestico, dove un radiatore solitamente posizionato nello schienale del mobile cede temperatura in ambiente, mentre all’interno un radiatore assorbe temperatura sino al raggiungimento del risultato voluto.

Nello stesso modo, salvo l’aggiunta di una ventola all’interno ed una all’esterno, funziona il condizionatore d’aria.

Il trasferimento della temperatura avviene secondo un principio fisico che venne descritto da Carnot ed oggi è applicato in piccole realtà come ad esempio in automobile per raffrescare l’abitacolo o in impianti più grandi e complessi per riscaldare interi condomini.

Le moderne pompe di calore possono fornire riscaldamento primario in condizioni anche di temperature esterne molto basse come -25°C e possono fornire raffrescamento ove necessario, talvolta anche contemporaneamente recuperando il calore estratto da quei locali ove si deve raffrescare per trasferirlo nei locali ove si deve riscaldare; un esempio di tale applicazione potrebbe essere un ufficio che disponesse di un server importante, che necessita di essere raffreddato anche in inverno, quando gli uffici devono essere riscaldati.

funzionamento pompa di caloreLa pompa di calore trasferisce temperatura attraverso un circuito frigorifero che contiene un fluido, solitamente una miscela di gas, che cambia temperatura in funzione della pressione cui è sottoposto. La pressione varia grazie al compressore che viene azionato da un motore elettrico, ma talvolta da un motore endotermico; in altri casi il circuito ad assorbimento funziona grazie ad un bruciatore, ma si tratta di sistemi differenti che non riguardano quanto vogliamo qui descrivere.

Il circuito frigorifero raffredda o riscalda, attraverso uno scambiatore di calore, direttamente l’aria che viene immessa in ambiente, producendo una immediata variazione di temperatura; questo sistema, privo di inerzia termica, è tanto rapido nell’alzare o abbassare la temperatura quanto velocemente la stessa di riabbassa o rialza allo spegnimento della pompa di calore.

Diversamente quando si riscaldano o raffreddano dei corpi radianti (pavimento, pareti, soffitto) si rallentano sia il raggiungimento dell’obiettivo quanto il ritorno alle condizioni precedenti; il corpo radiante immagazzina temperatura e la cede più o meno lentamente a seconda della sua composizione e la sua inerzia sarà più o meno rapida sia nell’immagazzinare energia che nel cederla.

L’inerzia termica è un componente difficile da gestire che da un lato garantisce che le variazioni di temperatura siano molto lente, ma possono anche rendere difficile il controllo della temperatura poichè la sospensione della fornitura di temperatura al corpo radiante non sospende immediatamente la cessione di temperatura dal corpo radiante all’ambiente. Questo si sta rivelando un problema importante nei nuovi edifici in classe A dove l’elevato isolamento termico impedisce lo smaltimento di temperatura e l’impianto di riscaldamento, spesso radiante a pavimento che ha una elevata inerzia termica, fornisce temperatura anche quando l’obiettivo è raggiunto, con il risultato che vengono aperte finestre e si spreca energia. In ogni caso la scelta dei terminali è strettamente legata al tipo di destinazione d’uso dei locali eva valutata attentamente in fase progettuale.

Quello che segue è un video ripreso dal programma Super Quark di Piero Angela che parla proprio dell’importanza della scelta di un sistema di riscaldamento a pompa di calore:

 

Posted on 28 settembre 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *