Qualità dell’aria

Home » Qualità dell’aria

Qualità dell'ariaSi stima che il 20% dei cittadini europei (soprattutto bambini e anziani) soffrano di asma, irritazioni delle mucose, mal di testa e altre manifestazioni allergiche a causa di composti vari inalati nei locali chiusi.

Nella sola Lombardia  l’ARPA stima che ogni anno si sviluppino 800 casi di tumore al polmone delle persona abitanti nei piani bassi delle abitazioni per effetto del radon, un gas radioattivo che si sprigiona dal terreno soprattutto nelle zone della fascia prealpina. Le polveri sottili prodotte dal traffico, riscaldamento e combustione industriale sono le principali cause dell’aumento dell’asma nella Regione.

A Milano la concentrazione media di benzene nei locali chiusi è di 13,2 microgrammi per metro cubo, contro i 10 all’esterno. La concentrazione del pulviscolo nei locali residenziali può andare da pochi microgrammi per metro cubo fino a 500; nei ristoranti può raggiungere i 1000 microgrammi per metro cubo.

Una persona libera mediamente nelle 24 ore oltre 2 miliardi di scaglie di pelle (desquamazione) che passano anche attraverso gli indumenti. Ciascuna particella trasporta mediamente circa 4 microrganismi vitali.

Sono solo dati eterogenei indicativi della nocività che ha ormai assunto l’aria all’interno di abitazioni, uffici ecc.

I principali agenti inquinanti degli ambienti chiusi possono essere suddivisi in tre categorie:

–          Inquinanti chimici

–          Inquinanti fisici

–          Inquinanti biologici

Muffe e funghi producono condizioni insalubri nei locali, sono responsabili di emanazioni maleodoranti, danneggiano la gran parte delle sostanze e dei materiali organici, tra cui tessuti, pellami e naturalmente i prodotti alimentari.

Sebbene nella maggior parte dei casi non siano direttamente dannosi per la salute umana, alcuni di essi possono dare origine a infezioni, possono produrre tossine o iperstimolare il sistema immunitario. Le infezioni fungine possono andare da patologie relativamente benigne ad altre pericolose, come l’istoplasmosi. I funghi possono produrre reazioni di ipersensibilità come allergie, asma e altre affezioni. Più di 60 specie di funghi possono provocare allergie croniche.

Funghi e batteri possono essere intercettati da un normale filtro pieghettato nel quale si riproducono e moltiplicano. In questo modo un impianto di condizionamento ad aria diventa un veicolo di diffusione in tutto l’edificio.

La Legionella è una malattia grave  ed infettiva, ad elevata letalità. Viene diagnosticata raramente e si può manifestare in forma di polmonite o in forma febbrile extrapolmonare.

La legionellosi viene normalmente acquisita per via respiratoria  mediante inalazione di aerosol contenente Legionella. Focolai epidemici si sono ripetutamente verificati in ambienti collettivi a residenza temporanea, come ospedali o alberghi.

Questo significa che è di grande importanza il controllo della qualità dell’aria, attraverso sistemi di filtrazione e di disinfezione, oltre al suo ricambio.

I filtri d’aria vengono realizzati in una vasta gamma di modelli con caratteristiche e prestazioni molto differenziate.

Nella maggior parte dei casi di impianti canalizzati i filtri utilizzati sono costituiti da un materassino di spessore di 25 mm composto da una miscela di cotone e poliestere pretrattato con sostanza biostatica Intersept, e classificazione G4 secondo le norme EN779 e può essere smaltito in discarica. Quando è richiesta una maggiore efficienza della filtrazione vengono utilizzati filtri rigidi a piccole pieghe, sempre pretrattati , classificazione F8 e smaltibili in discarica,oppure filtri a tasche flosce in fibra sintetica con classificazione F5/F8 e via dicendo sino ai filtri assoluti HEPA e ULPA, con efficienza tra il 99,97 e il 99,999% utilizzati in campo ospedaliero nelle sale chirurgiche. I filtri elettronici impiegano un campo elettrostatico per la raccolta delle polveri dall’aria; sono generalmente utilizzati per portate d’aria modeste.

La disinfezione viene effettuata attraverso la nebulizzazione su filtri e batterie di aspirazione dell’aria di prodotti adatti a tale scopo; si tratta di disinfettanti specifici generalmente aromatizzati, che eliminano funghi e batteri dove questi normalmente proliferano.

Tale trattamento andrebbe effettuato periodicamente con cadenza almeno semestrale, ma nei locali ad alto tasso di affollamento anche con maggiore frequenza; non si tratta di un intervento invasivo né complicato e a seconda dei prodotti utilizzati può essere effettuato con o senza presenza di persone in ambiente.

Il ricambio dell’aria è un argomento che merita una particolare attenzione: le normative vigenti impongono nei locali pubblici un adeguato ricambio dell’aria ( questo è quantificato da apposite tabelle che tengono in considerazione una serie di fattori quali l’affollamento, i volumi, la destinazione d’uso dei locali ecc.) e regolano il modo di inserirla in ambiente affinchè non venga prelevata in luoghi inquinati e non venga inserita con temperature inadeguate. Questa operazione viene effettuata normalmente con l’utilizzo di ventilatori aspiranti, per depressione, ma esistono macchine capaci di sostituire l’aria dell’ambiente recuperandone l’energia, cioè la temperatura e utilizzando la condensazione e l’evaporazione dell’umidità in essa contenuta per recuperarne o smaltirne ulteriormente la temperatura: i recuperatori di calore.

Ne esistono modelli di ogni taglio, adatti a piccole abitazioni o a grandi strutture. Nelle abitazioni possono essere utilizzati per estrarre l’aria dai bagni per reimmetterla, filtrata, magari in altri locali, rinnovando l’aria di tutto l’appartamento, senza modificarne sostanzialmente temperatura e umidità. La loro efficienza  in certi casi supera il 90%.

Tramite telefono
Potete contattarci telefonicamente al numero 3343224721

Modulo richiesta informazioni
Potete richiederci maggiori informazioni specifiche sui nostri servizi contattandoci tramite posta elettronica all'indirizzo info@climatec.org oppure compilando il modulo informazioni che segue.

Nome

Email

Richiesta

Consenso Privacy

Dichiaro di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati personali

Informiamo che per poter procedere al corretto invio del messaggo è necessario inserire tutte le informazioni richieste nei vari box e spuntare la casella relativa all'accettazione del trattamento della Privacy da parte di Climatec